WEB

Non è una novità che i giovani considerano la TV  il mezzo dei nonni.

Tutto è on demand, e personaggi totalmente sconosciuti al mondo della televisione diventano su Youtube delle vere e proprie star.

I Millennials (ragazzi tra i 16 e i 30 anni) privilegiano i contenuti di tipo visuale e vi accedono con lo smartphone

Da contenitore di video amatoriali, di viaggi e gattini, Youtube si è trasformato in una piattaforma video che punta su musica e programmi dedicati.

OH MAMMA MIA
2015

Soggetto: Alessandra Bonzi
Regia: Alessandra Bonzi, Vito Robbiani
Realizzazione: Alessandra Bonzi Gioele Di Stefano,
Musica: Gioele Di Stefano
Produzione: mediaTREE

“Oh mamma mia!” si potrebbe dire “ancora un blog sulle mamme! Bastaaaaaaaa”.
L’ho pensato anche io, lo confesso, poi sono tornata in me, ho fatto un passo indietro a quel 15 settembre del 2012 che ha cambiato radicalmente la mia vita.
Quell’esserino che lasciavo il più possibile alle infermiere nella nursery, la permanenza in ospedale che ho cercato di prolungare il più possibile per paura di trovarmi in casa con lui, il terrore che ho provato guidando la prima volta uscendo dall’ospedale con la creaturina nel seggiolino: avevo bisogno di condividere quel senso di inadeguatezza che ho sentito da subito e di togliere il velo di buonismo che avvolge, ancora, l’esperienza della maternità.
Detta così sembra che io sia una mamma depressa e che abbia bisogno di uno psicologo: si! è proprio così: solo che dallo psicologo ci sono già andata e la depressione post parto l’ho avuta quando la creaturina aveva circa 3 mesi.
Poi, un giorno, quando finalmente nostro figlio ci ha concesso il lusso di una notte intera, mi sono detta che la maternità è anche un’altra cosa: è pensare di fare la ceretta e la lampada per arrivare in forma in sala parto, è uscire di casa con una striscia di vomito sulla maglietta e spacciarla per l’ultima moda in fatto di T-Shirts, è scoprirsi a tentare di propinare al tuo bambino tutti i cartoni animati che ti piacevano da piccola.
Ed ecco che mi sono data da fare!
“Oh mamma mia!”, come dice il titolo, sono short stories per il WEB dedicate alle future mamme, alle già mamme, ai papà e agli amici dei neogenitori. La protagonista – la sottoscritta – si mette in prima linea per raccontare l’essere mamma.
Scrivetemi, seguitemi, commentate i miei video, suggeritemi dei temi, MA soprattutto parlatemi di voi e della vostra maternità, condividete con me e con le mamme che seguiranno la pagina facebook di “Ohmammamia” gioie e dolori di questa strana, incredibile, pazza esperienza che è la maternità!
Alessandra Bonzi

Sito web ufficiale

Facebook ufficiale

Twitter ufficiale

 

BANZAI
2008 | 15 puntate di 3′

Un viaggio di circa 1500 km in bicicletta; due amici con il gusto per l’avventura.
Paolo Gianinazzi e Vito Robbiani hanno affrontato in bicicletta un percorso da costa a costa nell’isola del sol levante.
Di grande aiuto a preparare il viaggio è stato il sito di un gruppo di appassionati cicloturisti, http://www.japancycling.org/v2 i quali nel loro sito dicono: We are a group of Japanese who love to travel around the world by bicycle. As I telling about myself, I’ve already visited many places and met a lot of cyclists in abroad. However, there are not so many cyclists who ever been to Japan. Unfortunately, most of the cyclists are not even thinking of visiting Japan. Why…?
Questo “perché” ci ha condotti ad accettare la sfida…
La raccolta “BANZAI” è stata diffusa nel programma TV LaTele (TSI1)

RINGRAZIO LE FARFALLE
2015 | 5’37

Soggetto: Vito Robbiani e Gianluca Bianchi
Regia: Vito Robbiani
Realizzazione: Gioele Di Stefano
Musica: Luf
Produzione: mediaTREE

“Ringrazio le farfalle” è un progetto nato nel 2013. Nasce spontaneamente da un papà e da una mamma, Gianluca e Doris Bianchi, che spinti da una canzone, contattano tutti quei gruppi che hanno segnato la loro vita, per sostenere la ricerca in favore della fibrodisplasia ossificante progressiva, la malattia diagnosticata alla loro bimba.
All’inizio è stato il grezzo di una canzone, le parole, il grido, di un papà modellate da un artigiano della musica come Dario Canossi che hanno lasciato una traccia poi completata dalle voci del coro delle mondine di Novi. “Ringrazio le farfalle” nasce infatti da uno scritto di Gianluca Bianchi per la figlia per poi concludersi con un finale cantato dal coro dalle Mondine di Novi suggerito dalla piccola Fiamma. Fatto il pezzo “Ringrazio le farfalle” si trattava di dargli un giusto accompagnamento e quindi ai Luf si sono uniti i gruppi che hanno segnato la storia della musica alternativa italiana e della Svizzera italiana. Ognuno di questi gruppi ha donato un pezzo che potesse unirsi al grande puzzle che rappresenta la storia di una famiglia che deve affrontare una sfida come quella di una malattia genetica rara. Ad ognuno dei gruppi è stato chiesto un pezzo che facesse ballare questi ragazzi e le loro famiglie e ad ognuno di loro è stato chiesto di contribuire ad un disco che fosse un inno alla vita e alla speranza. Nel disco sono contenute le tracce edite di gruppi che hanno saputo essere colonna sonora di un momento difficile ma soprattutto che sono state il sostegno ad una famiglia che ha contribuito, per dirla con le parole di Marino Severini dei Gang, affinché nessuno si sentisse mai “solo lungo la strada”. Il disco è prodotto da “Noi ci Siamo!”, l’associazione Svizzera in favore della ricerca per la Fibrodisplasia ossificante progressiva.

Per l’Associazione “Noi ci Siamo!”
Bianchi Gianluca
Associazione « Noi ci siamo »
Via del Torchio 26F
6710 Biasca

Comperate il CD in Amazon

Sito web ufficiale

Facebook ufficiale

via Sole, 2 – 6942 Savosa CH
produzioni[at]mediatree.com
tel. +41(0)79 221 41 85

© 2019 mediaTREE